Print

Posted in:

Sondrio. Street Climbing

Il CAI Valtellinese ha come obiettivo quello di avvicinare la popolazione alla montagna, la riscoperta del territorio come luogo da vivere e respirare, si rivolge soprattutto ai giovani ed è per questo che è nato il Gruppo Giovani dei CAI e per il quale viene organizzato Sondrio Street Climbing. Per la riuscita di ogni iniziativa ci vuole passione e l’uso degli strumenti e del linguaggio giusto per avvicinare al territorio montano chi non lo conosce. Questa iniziativa che è giunta alla sua settima edizione nasce appunto dal desideri odi creare un momento di condivisione in grado di coinvolgere le persone. Nel caso dello Street Climbing, per avvicinare la popolazione all’arrampicata e alle attività affini si sono inventati tracciati nel centro città, il percorso è stato messo a punto dall’alpinista, nonché vincitore della edizione 2014, Matteo De Zaiacomo;in collaborazione con la scuola di scialpinismo del CAI stesso, l’Amministrazione Comunale di Sondrio e il sostegno di enti e sponsor  privati.  Centinaia di partecipanti scalano in stile bouldering i palazzi istituzionali del centro della Città oltre alle vetrine dei negozi del centro storico. L’evento coinvolge arrampicatori provenienti da tutta Italia, ed è sicuramente suggestivo anche per gli spettatori. Un percorso da superare in circa cinque ore di tempo. Nel circuito pomeridiano vengono totalizzati dei punti, a questo seguono semifinali e finali, nell’ultima fase gli arrampicatori che hanno totalizzato il maggior numero di punti si sfidano e i migliori due atleti classificati si affrontano sul campanile della Collegiata di Piazza Campello. Una chiusura gara ricca di adrenalina scalando, assicurati ad una corda, i 40 metri di roccia e cemento del campanile tra difficoltà e velocità, di grande impatto scenografico.

 Tiziana Gatti

sondrio street climbing
Nella foto in alto: climbing in azione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.