Print

Posted in:

Capriate San Gervasio. Una gita in Lombardia

Il villaggio operaio di Crespi d’Adda.

maxresdefault-1

A mezz’ora da Milano troviamo il villaggio operaio di Crespi d’Adda, a Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo. E’ uno dei pochissimi villaggi rimasti pressoché intatti e testimoni di quel momento storico, la fine del XIX secolo, in una Italia che comincia il suo processo di industrializzazione.

Fu l’imprenditore Cristoforo Crespi a decidere la fondazione di questo villaggio per alloggiare tutte le maestranze che lavoravano nella sua azienda tessile, prendendosi cura del benessere dei suoi operai.

La pianta del villaggio è geometrica e si sviluppa attorno alla strada principale, le abitazioni da un lato e la fabbrica dal lato opposto. Il villaggio era autosufficiente, c’era la scuola, un centro sportivo con addirittura una piscina, una chiesa e una stazione idroelettrica che garantiva l’approvvigionamento dell’elettricità.

La gita a Crespi d’Adda permette di fare un tuffo nel passato, tutto è rimasto fedele a quell’epoca. La ciminiera della fabbrica, ormai chiusa da tempo, troneggia nell’ingresso principale ad accogliere i visitatori.

La particolarità del villaggio e la testimonianza che rappresenta ne è valsa l’iscrizione alla lista dei patrimoni dell’Umanità, avvenuta nel 1995.

Giovanna Menicatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *