Print

Posted in:

Recensione libro: Edgar Cayse e il simbolismo dell’anima

Ritratto di Edgar Cayce

Kevin J. Todechi è l’autore di questo libro. Descrive una parte del lavoro svolto da Edgar Cayse, Hopkinville (USA), 18 marzo 1877– Virginia Beach(USA), 3 gennaio 1945. è stato Il Sensitivo Dormiente. Questo soprannome perché il Sig. Cayce andava in uno stato auto ipnotico o di trance, nel quale , lo si poteva interrogare sui mali fisici e altre tematiche. Come andare dal dottore. Solitamente un Medico molto preparato. Un vero caso di medicina dell’aldilà. Quindi al suo risveglio non ricordava nulla. Assunse quindi una stenografa per far si che tutto quello che accadeva, durante le sedute con i suoi pazienti, fosse registrato per averne memoria. Quindi Edgar era consapevole di essere uno strumento in mano a qualche spirito intelligente. Da qui la necessità di divulgare il suo lavoro. Edgar non scrisse nulla sull’argomento. Questo testo è un manuale per creare disegni legati alla propria identità spirituale e capire come progredire nel lungo percorso evolutivo dell’uomo. Di fatto spiega che ogni persona disegna un qualcosa. Il qualcosa racchiude un simbolismo. Il lavoro di questo libro è decriptare i disegni che arrivano dall’intimo di ognuno di noi. Secondo me è per chi ha già un bagaglio culturale esoterico.

copertina del libro
copertina del libro

Prezzo: euro 17,50

Editore Edizioni Mediterranee
Data pubblicazione Ottobre 2018
Formato Libro – Pag 233 – 13,5 x 21,5
ISBN 8827228748
EAN 9788827228746
Lo trovi in Libri: #Simbolismo#Alla scoperta dell’anima
MCR-NR 159643

 

Claudio Barattucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *