Print

Posted in:

Passare col giallo?

codice

Uno degli impegni più pressanti della Corte di Cassazione è legiferare sul codice della strada, segno di civiltà del diritto e di inciviltà di chi circola sulle strade. Dopo la decisione sul posteggio riservato ai disabili, la Corte, con sentenza 11702/2017, ha precisato anche quale comportamento va tenuto dal conducente di un mezzo, in prossimità del semaforo. Nel caso specifico, una automobilista, scattata la luce gialla, anziché rallentare aveva accelerato liberando l’incrocio. La Polizia Municipale, presente sul luogo, aveva verbalizzato la violazione del Codice della Strada, applicando alla signora una sanzione di 163 euro e provvedendo alla contestuale decurtazione di 6 punti dalla patente.
Dopo ben tre gradi di giudizio, la Cassazione ha stabilito il principio secondo il quale “anche quando l’automobilista ha la precedenza con semaforo verde, non è comunque esonerato dal tenere un comportamento prudente e, comunque, deve rallentare per prevenire eventuali infrazioni da parte di altri automobilisti. A maggior ragione, quando la luce è gialla, il conducente è tenuto a fermarsi (sempreché sia possibile farlo in condizioni di sicurezza.
Il
 Codice della Strada, infatti, ricorda che la multa con il semaforo giallo scatta ogni qualvolta il conducente veda per tempo il cambio di colore del semaforo e, per questo, abbia il tempo di fermarsi nel lasso di tre secondi. Vale a dire la durata minima della luce gialla. Diverso, invece, il caso dell’automobilista che si dovesse trovare già in prossimità dell’incrocio e non potesse fermarsi se non con una brusca frenata.
La Cassazione ha dunque ritenuto legittima la multa e ha condannato l‘autista al pagamento anche delle spese di giudizio. 
Ma non basterebbe il buonsenso?                                                          

codice della strada
Nella foto in alto: alt semaforo rosso!

                                                                                                                                                                            Tiziana Gatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *