Print

Posted in:

Il perdono di Assisi. L’indulgenza voluta da San Francesco

L’indulgenza è la remissione dinanzi a Dio della pena temporale per i peccati, già rimessi per quanto riguarda la colpa (per i quali cioè si è già ottenuta l’assoluzione confessandosi). L’indulgenza è una remissione che il fedele, debitamente disposto e a determinate condizioni, acquista per intervento della Chiesa, la quale, come ministro della Redenzione, con la sua autorità, dispensa ed applica il tesoro delle soddisfazioni di Cristo e dei santi. Tra le più note del calendario liturgico della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, abbiamo il perdono d’Assisi voluto dallo stesso San Francesco. Si tratta di un’indulgenza plenaria che può essere ottenuta in tutte le chiese parrocchiali e francescane dal mezzogiorno del 1º agosto alla mezzanotte del 2 e tutti i giorni dell’anno visitando la Chiesa della Porziuncola di Assisi dove morì San Francesco. Il Poverello ottenne l’indulgenza da papa Onorio III il 2 agosto 1216 dopo aver avuto un’apparizione presso la chiesetta che oggi si trova all’interno della Basilica di Santa Maria degli Angeli, in Assisi.

assisi
Nella foto in alto : la chiesetta della Porziuncola dentro la Basilica Santa Maria degli angeli in Assisi

Una notte dell’anno 1216 dc , Francesco era immerso nella preghiera e nella contemplazione nella chiesetta della Porziuncola, quando improvvisamente dilagò nella chiesina una vivissima luce e Francesco vide sopra l’altare il Cristo rivestito di luce e alla sua destra la sua Madre Santissima, circondati da una moltitudine di Angeli. Francesco adorò in silenzio con la faccia a terra il suo Signore! Gli chiesero allora che cosa desiderasse per la salvezza delle anime. La risposta di Francesco fu immediata: “Santissimo Padre, benché io sia misero e peccatore, ti prego che a tutti quanti, pentiti e confessati, verranno a visitare questa chiesa, conceda ampio e generoso perdono, con una completa remissione di tutte le colpe”. “Quello che tu chiedi, o frate Francesco, è grande – gli disse il Signore -, ma di maggiori cose sei degno e di maggiori ne avrai. Accolgo quindi la tua preghiera, ma a patto che tu domandi al mio vicario in terra, da parte mia, questa indulgenza”. E Francesco si presentò subito al Pontefice Onorio III che in quei giorni si trovava a Perugia e con candore gli raccontò la visione avuta. Il Papa lo ascoltò con attenzione e dopo qualche difficoltà dette la sua approvazione. Poi disse: “Per quanti anni vuoi questa indulgenza?”. Francesco scattando rispose: “Padre Santo, non domando anni, ma anime”.

santa maria degli angeli
Nella foto in alto : la facciata esterna dela Basilica Santa Maria degli Angeli in Assisi

Lo stesso Papa Francesco ha istituito e fondato il proprio pontificato nel concetto della Divina Misericordia di Cristo. Papa Francesco definisce La Porziuncola una porta sempre aperta,  un perenne Giubileo della misericordia.. Del perdono. Se sei un cristiano battezzato, Le condizioni per ottenere l’Indulgenza della Porziuncola  (per sé o per i defunti)  sono :  1. Confessione sacramentale per essere in grazia di Dio (negli otto giorni precedenti o seguenti) 2.Partecipazione alla Messa e Comunione eucaristica Visita alla chiesa della Porziuncola, dove si rinnova la professione di fede, mediante la recita del CREDO, per riaffermare la propria identità cristiana 3. La recita del PADRE NOSTRO, per riaffermare la propria dignità di figli di Dio, ricevuta nel Battesimo 4.  Una preghiera secondo le intenzioni del Papa, per riaffermare la propria appartenenza alla Chiesa, il cui fondamento e centro visibile di unità è il Romano Pontefice.5. Una preghiera per il Papa.

Thomas Tolin

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.