Print

Posted in:

Comunicare attraverso il ritratto.

Statue-Augustus

Foto in alto: statua di Augusto del periodo romano età imperiale

Il ritratto in generale è il raffigurare l’aspetto le sembianze di una persona. Specificatamente possiamo avere un ritratto o realistico o simbolico o rappresentativo, utilizzando con libertà espressiva, qualsiasi tecnica o materiale. L’obiettivo per il pittore o scultore o fotografo, è ancora oggi imprimere su qualsiasi supporto in senso lato, il ricordo di quella persona che noi abbiamo rappresentato. Il ritratto è un modo di rappresentare utilizzato in tutte le società mondiali ed epoche. Il ritratto è un elemento iconico, comunica qualcosa a chi l’osserva.

Madame-Matisse

Foto in alto: Henri Matisse  “Ritratto con la riga verde” Madame Matisse è un olio su tela del 1905 , di centimetri 40,5 x 32,5,
si trova Copenaghen, presso lo Statene Museum for Kunst.

Si possono riprodurre immagini realistiche di altissimo grado di iconicità, massimo grado di somiglianza. Immagini stilizzate, debole grado di iconicità. Immagini astratte nessuna somiglianza con la realtà. Esiste anche l’immagine simbolo realizzata con dei segni simboli utilizzata molto nelle religioni. Essa deve generare in chi l’osserva il ricordo della persona. Un esempio nella religione cristiana i quattro evangelisti vengono rappresentati anche con dei simboli. A Marco è associato il leone a Giovanni l’aquila a Luca il bue e a Matteo l’uomo.

evangelisti

Foto in alto: bassorilievo, rappresentazione dei quattro evangelisti

Oppure anche il simbolo come il pesce o la croce che rappresentano Gesù. Il ritratto a mezzo busto di personaggi illustri è nato nel periodo romano e veniva realizzato con la tecnica della scultura. Il ritratto inserito in un contesto di vita quotidiana lo possiamo ritrovare nell’arte fiamminga dove i pittori ritraevano le persone in un contesto familiare. Il ritratto comunica. Nell’Ottocento nasce la fotografia affermandosi dapprima come procedimento di raffigurazione del paesaggio e, poi come strumento per ritrarre la borghesia, si arricchisce il ritratto di segni, gesti usati come codici per comunicare.

nadar_1

 Foto in alto: Félix Nadar, Ritratto di Sarah Bernhardt, 1864

I codici di cui possiamo osservare in un ritratto sono i codici legati alla cultura come i vestiti che ti fa capire di che epoca sono e ancora il ritratto è immagine denotativa o connotativa. La funzione del messaggio nel ritratto pertanto è quella di comunicare, parlare attraverso un linguaggio non verbale. Poiché l’immagine nella nostra cultura ha un ruolo importante così anche il ritratto trasmettere un messaggio in lingua non verbale, suscitando in noi emozioni o sentimenti.

Michele Bianchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.