Print

Posted in:

Puntin annuncia il ricorso contro la Wada

Putin

Mosca si difende  per la decisione dell’agenzia mondiale antidoping Wada di bandire, per quattro anni, la Russia dalla partecipazione ad eventi sportivi internazionali. Tra cui le Olimpiadi e i campionati del mondo. A dieci giorni dall’annuncio del veto, già criticato e contestato ai massimi livelli, è il presidente, Vladimir Putin, a parlarne con toni decisi nella conferenza stampa di fine anno. La decisione della Wada ingiusta e contraria al diritto internazionale, punisce la Russia due volte per lo stesso crimine. Dopo l’intervento di Putin, l’agenzia antidoping russa Rusada ha annunciato la volontà di impugnare il divieto e far scattare il processo d’appello presso la Corte d’arbitrato per lo Sport (Tas) di Losanna. La Wada, il 9 dicembre, aveva bandito la Russia accusandola di aver falsificato i dati di laboratorio consegnati a gennaio per occultare numerosi casi di doping. La Russia era già stata punita per lo scandalo del doping di Stato, andato avanti dal 2011 al 2015, e la consegna di quei campioni doveva sancire la sua definitiva riammissione nella comunità sportiva. Il nuovo bando è stato criticato dal presidente: “Non è mai successo prima, ci hanno escluso dalle ultime olimpiadi ed è accaduto di nuovo” . La squadra nazionale deve competere sotto la bandiera nazionale: ora dobbiamo fornire supporto e assistenza. Nel suo ricorso, quindi, la Rusada potrà contare sul massimo appoggio da parte dello Stato, anche se la strada del ricorso è tutta in salita. Il capo dell’agenzia antidoping russa, Yuri Ganus, aveva dichiarato a caldo che la Russia non ha “nessuna chance” di ribaltare in appello il verdetto della Wada, ma al Cremlino questo atteggiamento non deve essere piaciuto. Oggi, infatti, il Consiglio di supervisione di Rusada ha deciso di fare ricorso e si prepara ad una lunga battaglia legale. Al momento, Mosca potrà mandare a Tokyo 2020 e a Pechino 2022 solo sportivi che potranno dimostrare di essere a posto con gli esami antidoping, ma dovranno gareggiare come atleti neutrali, senza bandiera né inno. Per i Mondiali di calcio 2022, se riusciranno a qualificarsi, i russi potranno partecipare, ma sempre come neutrali.

Claudio Barattucci

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *