Print

Posted in:

La Kickboxing e i suoi innumerevoli figli

La Kickboxing nasce come “Karate Full Contact”, nel 1974, negli States. Il “karate tradizionale” però non riconosce quest’arte marziale come sua discendente. Anzi, nega prepotentemente la paternità. Il termine Kickboxing viene ufficialmente adottato dallo WAKO (World Association of Kickboxing Organizations) nel 1980. Può essere definita come una sorta di scherma di calci e pugni che i due atleti si scambiano su un quadrato di gara piatto o tatami, oppure su di un ring delimitato da corde, simile a quello del pugilato. “Kickboxing”, è l’insieme di due parole inglesi che tradotte singolarmente significano: kicking”, calciare e “boxing”, tirare di pugno. Con il termine “Kickboxing”, oggigiorno si identificano diversi stili di combattimento (Semi Contact, Light Contact, Kick Light, Full Contact, Low Kick, K1 Rules,Forme Musicali, Aero Kickboxing) che, pur partendo da una base tecnica comune sono diverse tra di loro. Praticamente,la Kickboxing è madre di parecchi figli. Uno diverso dall’altro, ma simili e fratelli.

Attività agonistica su tatami

Semi Contact

Nella foto, in alto: Semi Contact

Consigliato anche ai bambini di 10 anni. Il combattimento viene interrotto ogniqualvolta l’atleta riesce a piazzare un colpo di calcio, o di pugno a bersaglio utile in maniera monitorata. I punteggi variano a seconda della tecnica utilizzata. Vince l’incontro chi totalizza più punti al termine delle riprese previste.

Light Contact

Nella foto, in alto: Light Contact

A partire dai 13 anni. E’ il passo intermedio per arrivare ai combattimenti a contatto pieno. I due avversari si affrontano scambiandosi vicendevolmente colpi senza interruzione in un fluire di tecniche giudicate da tre giudici sempre secondo il criterio della tecnica portata a segno con precisione, o in maniera controllata. Non è valido il KO.

Kick Light

Nella foto, in alto: Kick Light

A partire dai 13 anni. Disciplina introdotta recentemente nell’attività internazionale WAKO (la federazione internazionale di riferimento), il cui svolgimento è esattamente come il Light Contact, ma che offre la possibilità da parte degli atleti di attaccare anche le cosce dell’avversario con calci in linea bassa controllati.

Attività agonistica su ring

Full Contact

Nella foto, in alto: Full Contact

A partire dai 16 anni. Si utilizzano le tecniche del Light Contact, ma i colpi sono portati a segno a contatto pieno in tutti gli “sport da ring” di FIKBMS vale il KO. Le tecniche di calcio nel Full Contact devono essere portate al di sopra della cintura.

Low Kick

Nella foto, in alto: Low Kick

A partire dai 16 anni. Gli atleti combattono secondo la regola che i calci possono essere portati sia all’interno che all’esterno della coscia, per l’appunto il termine stesso “low kick” sta a significare “calco bassi”

K1 Rules

Nella foto, in alto: K1 Rules

A partire dai 16 anniI. K1 Rules è uno sport da combattimento ideato dai giapponesi. Si differenzia dalla Low Kick per la possibilità di utilizzare alcune tecniche supplementari: spinning back fist (pugno circolare in rotazione all’indietro), clinch a due mani (presa dietro la nuca dell’avversario a due mani), colpi di ginocchio.

Per INFO:

www.fikbms.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.