Print

Posted in:

Il Vangelo, contiene la legge della felicità, karma e reincarnazione

dfghjkl

Tutti gli esseri umani sono assoggettati da un unica Legge, intesa come Legge scientifica naturale, quindi non modificabile. Ecco la chiave di lettura del Vangelo di Matteo capitolo 5 17,20: 17. Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge (causa effetto reincarnazione), o i Profeti (profezia l’effetto delle cause, le nostre azioni si ripercuotono nella nostra vita presente e futura, ciò che semini raccogli, ecc…); non sono venuto per abolire ma per dare compimento 18. In verità vi dico finché non siano passati il cielo e la terra non passerà neppure un iota o un segno della Legge, senza che tutto sia compiuto. Il vangelo se si affronta con questo grado evolutivo di lettura, comincia ed essere chiaro. La legge di causa effetto compare anche nel momento che Gesù viene arrestato, nel Vangelo di Matteo capitolo 26 51,52: 51 Ed ecco, uno di quelli che erano con Gesù impugnò la spada la estrasse e colpì l’orecchio del sommo sacerdote, staccandogli un orecchio. 52 Allora Gesù gli disse: Rimetti la tua spada a posto, perché tutti quelli che prendono la spada, di spada moriranno. Causa effetto, notiamo che la legge naturale,  compiendo un azione al negativo, ci restituisce anche degli interessi, chi di spada ferisce di spada perisce. Voglio evidenziare che non è un semplice detto è una Legge universale, in quanto l’universo creatura intelligente, reagisce alle nostre azioni, siano esse positive e siano esse negative. Vedi anche parabola dei Talenti in Vangelo di Matteo capitolo 25 14,30. Un altra chiave di lettura molto importante è la Legge di reincarnazione citata più volte da Gesù. Matteo capitolo 11 13,14: 13 Tutti i profeti e la legge hanno profetato fino a Giovanni. 14 E se volete comprendere, è lui quell’Elia che deve venire. Il profeta Elia quindi si è reincarnato. La reincarnazione insieme alla legge di causa effetto si trova anche nel vangelo di Giovanni capitolo 9 1 Passando vide un uomo cieco dalla nascita 2 e i suoi discepoli lo interrogarono: Rabbì, chi ha peccato lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?. In questo pezzo troviamo sia il Karma personale che il Karma di famiglia, oltre che alla reincarnazione, In effetti se uno nasce con una malformazione ancora non ha infranto nessuna legge  a meno che lo ha fatto in una vita precedente. Peccato, cosi’ chiamiamo l’infrazione delle leggi naturali, senza tener conto, che non sono semplici affermazione filosofiche, ma sono fatti che creeranno il nostro futuro benessere o malessere in questa vita o nelle prossime. Quindi i comandamenti non sono solo precetti di buon costume ma ubbidiscono alla Legge. Fate del bene e vi sarà dato cento volte tanto. Questa è tutta la Legge.

                                                                                                                                                            Claudio Barattucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.