Print

Posted in:

Mezzi elettrificati per persone con disabilità motoria. Nel segno della sostenibilità e dell’inclusione

La sostenibilità oggi è tra i principali obiettivi dei trasporti di ogni categoria: cicli, motocicli, treni, imbarcazioni, veivoli. Da oggi, riguarda anche i veicoli per le persone con disabilità motoria.

Diverse, infatti, sono le aziende che hanno avviato progetti di mezzi elettrificati. Proprio in questo ambito si inserisce il concorso internazionale promosso da Toyota Mobility Foundation e Nesta Challenges, intitolato “Mobility Unlimited Challenge”. L’obiettivo? Individuare soluzioni sostenibili e innovative nel settore delle tecnologie di assistenza.

Vincitrice del concorso è risultata la “Phoenix i“, sedia a rotelle smart e in fibra di carbonio, prodotta dalla società inglese Phoenix Instinct.

Ma sì è aggiudicato un posto tra i finalisti anche il progetto WheeM-i di Italdesign ed Etisalat, che unisce la mobilità elettrica al servizio di sharing per persone con disabilità motoria.

Altro progetto italiano inclusivo e sostenibile è quello della startup Avanchair, che ha in cantiere la realizzazione di una sedia a rotelle elettrica. Grazie alla tecnologia JuiceAbility, sviluppata in collaborazione con Enel X, le carrozzine potranno essere ricaricate  presso le colonnine di rifornimento delle automobili, a garanzia di una maggiore autonomia di movimento.

Peter Paul Huayta Robles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.