Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Zero in condotta per gli italiani in volo!

image

image

Indisciplina o ignoranza? Secondo SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single, oltre il 78% degli italiani usa Internet in aereo anche nelle fasi di decollo e atterraggio, quando è assolutamente vietato farlo. Ad offrire il «board wi-fi» durante i voli è un numero sempre maggiore di compagnie aeree, ma naturalmente è sempre vietato navigare nelle fasi di decollo e di atterraggio. Un divieto che dopo i recenti fatti di cronaca diventa ancora più sentito per motivi di sicurezza, ma che non tutti rispettano. I più indisciplinati? Proprio gli italiani. Su un campione di duemila mila intervistati di entrambi i sessi, SpeedVacanze.it ha potuto appurare anche i motivi che spingono a queste continue violazioni alle norme di sicurezza: il 38% sostiene di essere troppo preso dalle chat su WhatsApp, il 32% di non potere fare a meno di Facebook ed il 20% di voler condividere le foto su Instagram. Ma indipendentemente dal canale «social» utilizzato, la maggior parte degli intervistati (82%) sostiene di sentire un irresistibile impulso a condividere con immagini e parole proprio i momenti legati al decollo e all’atterraggio, fotografando ciò che si vede fuori dal finestrino e all’interno dell’aereomobile, nonché scattando «selfie» e «taggandosi» durante il decollo. «Ma, oltre all’uso di Internet quando è proibito, secondo il nostro sondaggio gli italiani si dimostrano indisciplinati anche in molti altri comportamenti legati al viaggio in aereo» racconta Roberto Sberna, direttore generale di SpeedVacanze.it.«Molti -prosegue Roberto Sberna- usano ad esempio il telefonino proprio alcuni istanti prima del decollo, senza rendersi conto che l’aereo sta decollando e dei grandi problemi di sicurezza che possono causare con il loro comportamento».

imageTra le altre regole ignorate anche il corretto posizionamento del bagaglio a mano a cui il 32% non presta affatto attenzione fino a quando l’assistente di volo non ripete l’invito «ad personam» chiedendo nuovamente di collocarlo nel vano superiore o sotto il sedile, oppure il fatto di mantenere la cintura di sicurezza allacciata quando indicato dall’apposito segnale: a trasgredire in questo caso è il 28%. «Ma ad andare ancora peggio è l’invito a rimanere seduti: quando l’aereo è atterrato il 98% si slaccia le cinture e si alza prima che sia consentito farlo» aggiunge Giuseppe Gambardella, fondatore di SpeedVacanze.it e di SpeedDate.it, portale quest’ultimo che offre ai single il modo più veloce e divertente per incontrare gente nuova. E che dire infine dell’invito da parte degli assistenti di volo a prestare attenzione alle istruzioni di sicurezza? Quanti effettivamente sono attenti a queste spiegazioni? Secondo il sondaggio di SpeedVacanze.it il 100% degli intervistati sostiene di essere distratto o comunque di non prestarvi molta attenzione. Certe regole comunque sono di primaria importanza e non seguirle, a volte, può condurre a danni irreversibili!

Giovanna Lombardo

Share, , Google Plus, Pinterest,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *