Share, , Google Plus, Pinterest,

Print

Posted in:

Milanomarziale

mu

mh

Nella foto, in alto: il famoso sensei di karate, Takeshi Naito

Judo, Karate, Aikido,  Giappone. Krav Maga. Israele. Kung Fu. Cina, Kombat 56. Polonia. Capoeira Brasile. Kalarippayattu. India.  Taekwondo.  Corea. S’Istrumpa, Sardegna. Pugilato. Di tutto il mondo. Ecc.ecc. Queste sono solo alcune delle arti marziali praticate in centinaia di palestre milanesi.

llk

Con poco clamore, e senza che nessuno se ne accorgesse, Milano è diventata la capitale italiana delle arti marziali. Si praticano in palestra Judo e Karate. Al parco il Tai Chi, o nei parcheggi il Krav Maga, la lotta inventata dagli ebrei ungheresi per difendersi dai nazisti.

kalari

Nella foto, in alto: dall’India il Kalarippayattu 

Chi le pratica? Tante persone. Impiegati e commercianti, professionisti e pensionati, forse più donne che uomini, basti pensare al progetto “Cintura Rosa”. Tutta la città ne parla!

Fi

Nella foto, in alto: la maestra di Judo, ideatrice della Cintura Rosa

Qual è la motivazione? Senza ombra di dubbio, maggiore autostima e sicurezza di sé. A volte, autodifesa. Ma, nessuno vuole diventare Rambo. Invero, qualcuno pensa ad una migliore forma fisica.                                                         Una nuova ricchezza per Milano?  Senz’altro, sì.

cco

 

Massimo Cingolani

Share, , Google Plus, Pinterest,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *